Scopri quali sono le caratteristiche delle offerte che generano conversioni a palate

Nella mia esperienza oramai quindicennale di specialista in advertising web, mi è capitato molte volte di vedere campagne perfette dal punto di vista tecnico, con delle landing page egregie per copy e funzionalità, ottenere scarsi risultati in termini di conversioni generate.

Campagne molto articolate, magari proposte su più canali, che raggiungevano il pubblico giusto al momento giusto, non riuscivano a produrre che poche conversioni e con costi insostenibili di acquisizione.

Ho avuto la fortuna però di poter osservare negli anni tutte queste casistiche e poter cogliere i tratti comuni delle landing page e delle relative campagne di successo.

Ovviamente una campagna tecnicamente corretta non è sufficiente per ottenere un alto tasso di conversioni e quindi tanti contatti da trasformare in prenotazioni.

Quali sono quindi le caratteristiche delle offerte che fanno schizzare verso l’alto i tassi di conversione?

Come spesso accade in questo settore, la risposta non può essere univoca, né esistono formule magiche sempre valide per tutti.

Ci sono però alcune formule e situazioni che spesse volte si rivelano vincenti, soprattutto nella capacità di generare leads (cioè contatti qualificati di persone in grado di comprare la tua vacanza).

Vediamo quindi alcune caratteristiche di casi di successo che ho potuto seguire personalmente, dove per casi di successo intendo campagne che hanno costi di acquisizione ridotti e che generano centinaia di richieste/mese.

1) OFFERTA DI AMPIO RESPIRO

Cosa funziona

Offerta ad ampio respiro

Avere un’offerta ad ampio respiro, possibilmente su tutta la stagione estiva (o invernale) con meno limitazioni possibili sulle date del soggiorno –> questo perché è difficilissimo filtrare l’intento di ricerca temporale con strumenti come Google AdWords dove quasi mai sappiamo il periodo in cui si vuole effettuare la vacanza.

Cosa NON funziona

Limitare troppo l’offerta

Limitare l’offerta ad una specifica settimana o addirittura a pochi giorni, esclusivamente di bassissima stagione, di quelle settimane che non hai mai venduto nella tua carriera di albergatore (se la domanda non esiste nel mondo reale, non esisterà neanche nel mondo virtuale).

In questi casi, più che un profilo del nostro ospite potenziale, avremo un identikit e vorrà dire che dovremo investire moltissimo budget per raggiungerlo e non otterremo un buon rapporto tra investimento e contatti ricevuti.

2) TARGET SPECIFICO

Cosa funziona

Capire a chi ci si rivolge

Scegliere un target specifico molte volte coincide con un caso di successo: il caso classico è quello delle famiglie: se la mia offerta include bambini gratis (e nessuno sta dicendo che dovete regalare le quote, ma parliamo di includere queste quote nel prezzo della camere e potersi fregiare dell’offerta bambini gratis) allora arriveranno tante conversioni di famiglie, specialmente con 2 o più bambini che stanno organizzando la loro vacanza.

Cosa NON funziona

Rivolgersi un po’ a tutti

Rivolgersi a tutti o a più target contemporaneamente, soprattutto se incompatibili tra loro. Fare quindi un’offerta che prevede bambini gratis per le famiglie, cene romantiche per le coppie e la spiaggia riservata per l’animale domestico dei tuoi ospiti, blocca le conversioni.

3) QUANDO POSSIBILE, TUTTO COMPRESO

Cosa funziona

È sempre meglio un prezzo finito

Usare un’offerta all inclusive (pensione completa + spiaggia ) –> anche questa ha un appeal incredibile che permette di convertire tantissimo traffico in contatti, se possiamo quindi proporre questo tipo di soluzione, facciamolo sempre.

Se non abbiamo la cucina comunque proponiamo un pacchetto che comprende la spiaggia.

Un prezzo finito, quindi senza sorprese molte volte è una leva importante per generare conversioni.

Cosa NON funziona

Evitare troppe postille e supplementi

Indicazioni troppo generiche, prezzi in b&b quando abbiamo la cucina aperta o comunque prezzi che non includono i servizi che offri e che i tuoi ospiti apprezzano.

4) TRADURRE LO SCONTO IN €

Cosa funziona

Di quanto stiamo parlando ..?

Quantificare lo sconto in termini monetari –> risparmia 100 euro prenotando ora la tua vacanza estiva è più incisivo che dire risparmia il 5% su soggiorni di 2 settimane –> 100 euro è una immagine tangibile e facilmente quantificabile e rapportabile (con lo sconto ci porta a cena tutta la famiglia al ristorante) mentre il 5% ha una percezione minima di quello che gli stai offrendo.

Cosa NON funziona

Se non si percepisce, meglio non indicarlo nemmeno

Offerte senza una vera offerta commerciale (prenota subito e otterrai la miglior tariffa) o con sconti non percepibili/appetibili (-2% se prenoti con 60 giorni di anticipo).

Queste sono 4 caratteristiche in cui riesco a includere praticamente il 100% delle landing page di successo (e delle offerte per hotel che convertono).

Prova a utilizzare una (ma anche tutte e 4 queste strategie) quando definirai la prossima offerta che vorrai promuovere con le tue landing page.

Commenti di Facebook

Condividi su:
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*