Qualcuno dice che la SEO è morta (forse perché non sa più come farla)

Con questo post voglio fare un po’ di chiarezza, ho visto in passato in giro per la rete alcuni articoli ma anche commenti di alcuni “consulenti” sconsigliare in ambito turistico la SEO, dicendo che è morta.

Allora mi sono chiesto come mai girano queste informazioni in rete.

La risposta che mi sono dato è che negli ultimi anni fare la SEO in maniera efficace è diventato sicuramente più difficile soprattutto in ambito turistico, ma la SEO non è morta, è solamente cambiato il modo di farla. Fra poco ti dimostrerò il perché.

Anzitutto che cos’è la SEO? È quell’insieme di operazioni che aiutano una pagina web ad essere più visibile di altre sui motori di ricerca in modo naturale (non il pay per click). Sì, su Google, hai capito bene.

Chi non sa come fare a farsi vedere tra i primi risultati su Google, stanco di essere dietro agli altri, si è messo a raccontarti che la SEO è morta, che non si può più fare niente per prendere le prime pagine dei motori, e che ti devi accontentare di quello che viene.

È vero che non c’è la GARANZIA, un modo perfetto e sempre vincente di essere primo sui motori, ma ci sono delle regole e dei PROFESSIONISTI che le conoscono e le studiano SUL CAMPO da anni, che possono riuscire ad ottenere ancora importanti risultati PER TE.

(voglio precisare però che l’obiettivo finale non è soltanto essere visibili, perché le visite da sole non ti portano soldi, per questo una SEO intelligente ha l’obiettivo di portare visite “in target” o “qualificate”, senza dimenticarsi di essere ben sistemati su tematiche come la reputazione eccetera. Non voglio annoiarti ora con i soliti discorsi, non è questo il senso di questo post).

Se anche tu hai deciso di mollare il campo della SEO perché ti hanno detto che è morta, finisci di leggere questo articolo e ti DIMOSTRERÒ che almeno è un po’ presto per farlo.

CASO STUDIO

Per complicarmi la vita ho scelto una delle parole chiave a più alta competizione, in questo periodo. Ci potrà essere secondo te un evento più grande dell’EXPO di MILANO? Ecco, se la SEO fosse morta io non ti potrei far vedere quello che invece ti sto per mostrare.

Due tuoi colleghi che si sono FIDATI e mi hanno CREDUTO hanno fatto insieme a me delle offerte per il loro hotel per farsi trovare da chi cercava una camera per l’EXPO.

Ecco qui il RISULTATO per la ricerca “Hotel Expo Milano”

hotel_expo_milano
Hai visto? Prima pagina di GOOGLE, senza trucco e senza inganno.

Un altro esempio? Proviamo la chiave secca “offerte expo” (poi ti mostrerò con i dati che non sempre quella che pensiamo abbia più ricerche, ha in realtà più ricerche. Tutto va MISURATO).

Ecco per la ricerca “offerte Expo”
offerte_expo
In questo caso sono riuscito ad ottenere la prima pagina con l’offerta citata nel primo esempio e anche con un’altra che ho curato.

Ecco gli accessi che sono arrivati grazie a questi posizionamenti (sì sì, è proprio morta questa SEO).

Questi sono gli accessi dell’offerta che si è posizionata nella prima pagina di tutte e due le SERP che ti ho mostrato (Search Engine Results Page, la pagina dei risultati Google per la ricerca che ho fatto)

expo
Questi gli accessi dell’offerta che si è posizionata in prima pagina per la ricerca “offerte Expo”:

garibaldi_expo_accessi

So già cosa stai pensando: che sono le conversioni che contano, verissimo!
Ma prima di queste ci sono le visite no?

NO VISITE, NO CONVERSIONI!

Che siano telefoniche o dirette dal sito (lo so che ti interessano le conversioni ma non è l’argomento di questo post).

TANTO C’E’ IL PAY PER CLICK!

Stavi pensando questo? In effetti il pay per click è un ottimo strumento che usiamo tantissimo, spesso anche per fare dei test su keyword di nostro interesse. Soltanto DOPO UN’ATTENTA ANALISI è giusto decidere se vale la pena intraprendere una strategia SEO che richiede tempo e ore di lavoro, quindi ogni caso è da analizzare: SEO naturale e PPC sono ottime strategie e la differenza sta nel capire quando usare uno o l’altro o ENTRAMBI.

Tornando all’esempio sopra riportato nei nostri screen, vediamo per queste due chiavi quanto avresti dovuto pagare, volendo fare campagne Pay per Click:

expo-ppcPer avere quelle visite che vedi sopra, in media i miei clienti avrebbero speso più di 5000 € nel primo caso e più di 1000 € nel secondo, solo per quelle chiavi!

Per questo ti dico che le strategie in un progetto di web marketing vincente sono tante altre, ma la SEO ad oggi fa ancora assolutamente parte di quelle azioni che possono spingere in modo significativo il tuo hotel.

Insomma, la SEO non è morta, ora sai che ci sono modi per essere più visibili, per mangiare in testa ai tuoi competitor, mentre loro se ne stanno addormentati e ascoltano le favole dei cantastorie.

La SEO non è morta, è solo diversa da qualche anno fa. Ti ho appena dimostrato il perché.

Riccardo

Commenti di Facebook

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*