Sito responsive, l’utente ringrazia e ti premia

Come ricorderai, già a fine marzo ti avevo anticipato che è in corso una vera e propria rivoluzione sui motori di ricerca (recuperi l’articolo qui), che dà sempre più valore al fattore mobile friendly del tuo sito.

Oggi ti scrivo per dirti che purtroppo LE COSE SONO ANCORA PEGGIORATE PER TE, se non hai un sito responsive, visto che ormai non è più da considerarsi un capriccio o una moda ma una assoluta NECESSITÀ.

Il motivo è molto semplice: la maggior parte di chi naviga su internet, oggi lo fa dal proprio smartphone, dal tablet o altri dispositivi mobili e il caro vecchio pc fisso di casa sta sempre più diventando un lontano ricordo.

Stai sbagliando

Avere un sito che non si vede bene dai dispositivi mobili è come tenere chiusa la saracinesca del negozio quando arrivano i clienti per comprare i tuoi prodotti, una follia!

Se invece offri all’utente quello che cerca, come informazioni, immagini, velocità di caricamento delle pagine, pulsanti efficaci senza bisogno di ingrandire e rimpicciolire continuamente lo schermo, vedrai che proprio l’utente sarà il primo a premiarti. Probabilmente tornerà ancora sul sito, si fermerà di più, potrà contattarti quando interessato e, se lo convinci con la tua proposta, PRENOTERÀ DIRETTAMENTE DAL SITO.

Credevi di aver trovato finalmente un articolo senza numeri? Sbagliato, i numeri sono fondamentali per capire la portata di quello di cui sto parlando.
Ti mostro solo uno screenshot di dati di un mio cliente, che ha rifatto il sito responsive alcuni mesi prima dell’estate e guarda com’è andata la stagione.

Questi sono i dati filtrati per vedere solo il TRAFFICO DA CELLULARI, confrontando i 3 mesi estivi di quest’anno, con gli stessi mesi dell’anno scorso (25 maggio – 25 agosto 2015 contro lo stesso periodo del 2014), quando il sito non era ancora responsive.

Giudica tu stesso:

screenshot_risultati_responsive

Sai di cosa parliamo?

Grazie al sito responsive per ogni sessione viene visto il doppio di pagine, ci si ferma oltre il 50% in più del tempo e soprattutto diminuisce di un terzo la frequenza di rimbalzo. Sai di cosa stiamo parlando? Dell’ESPERIENZA UTENTE.

In altri termini, se non hai un sito responsive rischi di perdere oltre il 30% dei visitatori, che usciranno subito dal tuo sito perché avranno un’esperienza di navigazione negativa.

Sull’argomento responsive mi è capitato parlare a lungo con alcuni tuoi colleghi. Alla fine li ho convinti della bontà del progetto e hanno fatto il sito responsive, però forse non si aspettavano che le cose sarebbero cambiate così tanto. Allora i numeri mi servono per dimostrarti che invece le cose CAMBIANO, cambiano eccome!

ANCORA UN PO’ DI NUMERI:

statistiche-sito-responsive

 

In questo caso analizzo i primi immediati risultati per il traffico mobile di un nuovo sito responsive. Analizzo il periodo che va dalla messa online ad ora (16 luglio – 9 settembre 2015) rispetto a come si comportava nello stesso periodo l’anno scorso.

Anche qui si evidenzia un’immediata riduzione della frequenza di rimbalzo, un aumento della durata della sessione media, così come l’aumento delle pagine per sessione.

Questo ti fa capire che fare il sito responsive non è un atto caritatevole nei confronti del povero utente, che così risparmia tempo e capisce più cose, fare il sito responsive è per prima cosa IL TUO INTERESSE, i numeri che hai visto qui sopra non sono un punto di arrivo, ma è solo l’inizio di un processo ben piu’ ampio dove il vero obiettivo sono solo i numeri che contano, le famose conversioni, ma prima di generare conversioni dobbiamo essere sicuri che il nostro sito sia ben fruibile da tutti i dispositivi e che accolga traffico realmente qualificato, qui stiamo parlando di esperienza dell’utente sul tuo sito, ma le conversioni dipendono tantissimo anche dal tuo prodotto, è successo piu’ di una volta che abbiamo dovuto rifiutare delle commesse, ci veniva richiesto di spingere prodotti che:

-Erano assolutamente fuori mercato
-Non godevano di buona reputazione

Ritornando per un attimo ai numeri, ora sai quando potrebbe essere il buon momento per essere a posto con un aspetto così tanto importante?

Anche adesso.

Riccardo

P.S. ecco un esempio di sito responsive, clicca qui, l’Hotel De Londres di Rimini:

screenshotdelondres_responsive

È il sito ad adattarsi al dispositivo con cui navighi, e non il contrario! Proprio come dovrebbe essere 🙂

Commenti di Facebook

Condividi su:
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin

2 Comments

  1. Raffaella Tantimonaco 23 settembre 2015
    • Riccardo Riccardo 24 settembre 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*