Social network fai da te?

social-network-hotel

Abbiamo visto nel precedente articolo come i social network rivestano un ruolo strategico molto importante all’interno del piano di comunicazione aziendale. Quindi è fondamentale avere ben chiaro che la gestione di questi strumenti non può essere lasciata al caso.

Attraverso un profilo aziendale su un qualunque social network si comunica l’azienda e tutto ciò che ruota attorno ad essa. Non solo. Gestire un canale di comunicazione non significa soltanto tenere aggiornato il profilo, ma effettuare tutta una serie di valutazioni in merito all’obiettivo che si vuole ottenere, al messaggio che si vuole comunicare, alle strategie che si vogliono attuare, alle modalità di monitoraggio che si vogliono applicare.

Siete sicuri di poter fare tutto questo da soli? La risposta a questa domanda può variare da realtà aziendale a realtà aziendale. Tuttavia è riconducibile a 2 possibilità.

Gestione interna

Escludere la possibilità di affidare in outsourcing le attività legate alla comunicazione e nello specifico alla gestione dei social network significa avere valutato diversi aspetti.

Innanzitutto la designazione di una persona all’interno del proprio staff che possa dedicarsi a questa attività. Dovrà essere scelta una persona in grado di utilizzare gli strumenti, ma soprattutto che possa sviluppare operativamente una strategia, sia che abbia realizzato lei stessa sia che abbia realizzato un’altra persona.

Un altro aspetto importante riguarda le competenze di chi sarà incaricato di gestire l’attività. Gestire un social network vuol dire avere competenze nell’ambito della comunicazione testuale e per immagini, vuol dire avere delle basi di marketing che permettano di integrare il proprio lavoro con quello svolto, ad esempio, dal reparto commerciale, vuol dire avere competenze relative alla gestione della brand reputation.

Bisogna poi considerare che strumenti come i social network operano modifiche di frequente, quindi scegliendo di gestire internamente i profili aziendali bisogna prevedere a priori una formazione e un aggiornamento costanti nel tempo. È necessario pertanto pensare di fissare un budget annuale dedicato alla formazione per l’utilizzo di questi strumenti. Tra l’altro la formazione non dovrebbe essere limitata alla persona che si occupa dell’attività, ma dovrebbe essere estesa a tutto lo staff dell’albergo per metterlo al corrente su ciò che sta sviluppando l’azienda.

Gestione esterna

La gestione esterna prevede la delega di tutte le attività legate ai social network ad un singolo professionista o un’agenzia che si occupino di web marketing.

La prima cosa da fare è capire se il professionista che dovrà svolgere il lavoro può effettivamente rispondere alle nostre esigenze. La comunicazione, come il marketing, non è una materia scientifica e la loro implementazione, all’interno di un’attività da parte di un soggetto esterno, non è detto che venga svolta seguendo sempre le stesse metodiche. Pertanto scegliere il professionista adatto alla propria realtà aziendale è forse il primo passaggio per non trovarsi poi in situazioni poco piacevoli.

Successivamente bisogna designare, all’interno della struttura ricettiva, chi sarà responsabile di curare il rapporto tra azienda e collaboratore esterno. Non è pensabile scegliere di far svolgere un’attività in outsourcing senza un minimo di controllo sull’operato dell’entità incaricata. Non si tratta solo di un mero controllo, ma anche e soprattutto di poter trasferire tutti gli elementi utili al collaboratore che dovrà poi sviluppare la strategia.

Qual è la scelta migliore?

A questa domanda una risposta unica non può essere data perché una scelta migliore in assoluto non esiste, ma esiste la scelta migliore per quell’azienda in quel dato momento. Vanno valutati molteplici fattori e bisogna tenere in considerazione che ogni realtà aziendale ha le sue peculiarità, le quali determinano scelte diverse di volta in volta. Ciò che è certo è che bisogna riflettere sulle proprie necessità, nonché sulle aspettative che si hanno, e di conseguenza valutare le proprie risorse interne, per poter intraprendere la strada migliore.

Commenti di Facebook

Condividi su:
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*