Pillole e Consigli per Albergatori ai tempi del Covid 19

COVID 19: alcune pillole e consigli pratici

Sono indubbiamente giornate piuttosto strane, passate a seguire con grande attenzione le notizie che ci arrivano dai media e a capire quando e come potremo finalmente, tutti insieme, riappropriarci delle nostre vite, del nostro lavoro e delle nostre relazione sociali.

Mai come in questo momento è bene non farsi scoraggiare e restare lucidi, cercando di analizzare la situazione nel modo più razionale possibile anche se è normale avere momenti di sconforto, pronti a ripartire con slancio e capacità non appena ne avremo l’occasione.

È anche per questo che ho pensato di appuntare in un articolo alcuni punti salienti, emersi dai confronti che ho avuto in questi giorni con colleghi e professionisti di altri settori, con i ragazzi del nostro reparto Marketing e seguendo interessanti webinar (se non lo hai già fatto, ti consiglio di iscriverti al Gruppo Facebook “Albergatore PRO”, che tiene spesso illuminanti dirette).

Buona lettura, spero possano esserti di aiuto!

 

1 Cancellazioni

Hai letto la circolare di Federalberghi sul decreto legge approvato dal Consiglio dei ministri il 17 marzo? Si parla delle cancellazioni per sopravvenuta impossibilità e dei rimborsi a mezzo voucher.

Il decreto recepisce la richiesta di Federalberghi e – nel caso in cui un cliente annulli la prenotazione di un soggiorno, invocando l’impossibilità sopravvenuta determinata dall’epidemia Covid-19 – permette alle strutture ricettive di EMETTERE UN VOUCHER di pari importo, da utilizzare entro un anno dall’emissione, anziché rimborsare il corrispettivo versato.

Per maggiori informazioni, consulta la circolare.

 

2 Velocità di adattamento

Chi saprà uscire dalla propria zona di comfort e sarà veloce nell’adattarsi ai nuovi scenari, sarà sicuramente in vantaggio sui competitor che non saranno stati veloci e reattivi al cambiamento, per ripartire. Dietro a questa grande crisi potrebbe nascondersi l’opportunità di ripartire segnando un vantaggio sugli altri. Certo è che ci saremmo tutti risparmiati volentieri questo evento … Ma hai presente quando entra la Safety Car durante una gara di Formula 1? La Safety Car è quell’auto che entra in una pista durante la gara, per ri-accorciare le distanze tra le auto, questo periodo potrebbe essere utilizzato proprio per migliorare il nostro prodotto, servizio.

 

3 Copywriting

Gli Hotel che capiranno come ri-raccontare l’esperienza di vacanza presso la loro struttura ricettiva avranno con tutta probabilità migliori performance nelle loro azioni di marketing. Saranno dunque da rivedere i materiali anche in chiave Coronavirus, inserendo elementi che possono aumentare la fiducia dell’ospite e abbattere la paura che il ricordo di questo periodo potrà ancora suscitare in ognuno di noi.

Nella comunicazione nel breve/medio periodo si dovrà dare, per esempio, più rilievo agli accorgimenti sull’igienizzazione in hotel e in questo puoi spaziare dai kit igienizzanti di benvenuto a particolari accortezze nei vari ambienti della struttura.

Al tempo stesso è bene optare per una comunicazione sensibile, moderata, in linea con il tono di voce del tuo brand. Meglio evitare anche espressioni ambigue come “siamo positivi”, “fatti contagiare” e simili.

 

4 Partner strategici e collaboratori

Premesso che ogni hotel ha una propria situazione finanziaria, il consiglio è quello di attuare quelle forme di tutela per avere la sufficiente liquidità e poter corrispondere i partner strategici e i propri collaboratori, che dovranno essere presenti alla ripartenza, certo a parole è tutto facile.

Le persone e i fornitori strategici saranno infatti asset fondamentali per il rilancio della tua attività.

Non sappiamo precisamente quando, ma tra alcune settimane probabilmente potrai ripartire e sarà meglio poterlo fare con i collaboratori e i fornitori che già conosci (almeno all’inizio), di cui ti puoi fidare, in questo modo potrai mantenere gli standard a cui eri abituato.

 

5 Vendita

Nel breve e medio periodo sarebbe opportuno togliere le possibili restrizioni, mentre ad oggi vediamo nei portali ancora tariffe NOT REFUNDABLE.

Ma si potrebbe aggiungere al tempo stesso la possibilità di stipulare assicurazioni.

Con tutta probabilità per questa stagione estiva, si andrà verso le prenotazioni “Last Minute”: per questo si possono già iniziare a studiare le offerte e i pacchetti più adatti per stimolare la domanda nell’ospite.

Più sarai in grado di “invertire” il rischio e proiettarlo sul tuo hotel abbattendo le barriere, più il tuo ospite sarà incoraggiato alla prenotazione. A questo proposito si potrebbe anche revisionare le politiche di cancellazione per offrire delle finestre più convenienti per gli ospiti.

 

6 Piano Marketing

Questo periodo di “pausa” ti permette di pianificare tutto e fare tutto quello che spesso non hai tempo di fare, come lo studio dei pacchetti ad hoc, apportare migliorie ad un determinato servizio ripensandolo su misura per il tuo cliente target.

Se non hai un piano marketing per il COVID19, è il momento buono per pensarci.

Se invece ce l’hai, verrà adattato alla situazione per ripartire con le campagne adatte non appena si potrà.

Inizialmente si tratterà di campagne che avranno l’obiettivo di rassicurare e ispirare fiducia, ma al contempo dovranno subito attivare anche campagne atte a promuovere pacchetti e offerte. In chiave commerciale si dovrà agire velocemente visto il tempo perso e le cancellazioni ricevute.

 

7 Alimentare la relazione

In un momento in cui, come ci ripetono tutti, ci sentiamo più che mai DISTANTI MA UNITI, diventa ancora più importante presidiare quei canali per eccellenza in cui i tuoi ospiti trascorrono le proprie giornate a casa.

Sto parlando in primis dei Social. Questo è il momento per mantenere e rafforzare il legame con la tua community rivedendo il tono dei post, contestualmente alla situazione che stiamo vivendo.

Puoi pubblicare post dove mostri sensibilità all’argomento COVID19, quindi non solo post che parlano di te. Ecco un piccolo esempio postato dalla catena “ROOM MATE HOTELS”:

 

 

Inoltre, potresti per esempio spiegare la preparazione di un piatto tipico attraverso un video tutorial (chiedendo ai tuoi follower di replicarlo e condividerlo); oppure mostrare come stiano procedendo eventuali lavori di ristrutturazione dell’hotel; fare un sondaggio sul servizio preferito, proponendo delle opzioni.

Invita anche i tuoi “followers” a risponderti usando un certo hashtag (che proponi tu, facendo magari in modo che contenga anche il nome del tuo hotel).

Puoi anche ricordare i momenti belli delle stagioni passate, postare una buona recensione e infondere un po’ di ottimismo e di voglia di ritorno alla felicità.

A questo proposito, in questi giorni nella nostra pagina Facebook abbiamo pubblicato alcuni consigli su cosa postare in questo periodo. Se clicchi il link puoi leggere alcuni utili consigli:

Qui il link —>  https://www.facebook.com/networkservice/posts/10158689966763094

Per qualsiasi dubbio, contattami se hai piacere di discuterne insieme.

P.S. Mi sto confrontando OGNI GIORNO con albergatori di tutta Italia, ognuno di loro (come del resto anche il sottoscritto) è preoccupato per la situazione attuale.
Sono però rimasto FAVOREVOLMENTE IMPRESSIONATO dai tantissimi albergatori che, con il coltello tra i denti, stanno tenendo duro con un ottimismo fuori dal comune. Io dico sempre che  serve essere lucidi e realisti perché essere negativi non aggiunge nessun valore al nostro futuro.

#celafacciamodisicuro

Riccardo

Commenti di Facebook

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*