Normativa PSD2: sei pronto?

NORMATIVA PSD2: sei pronto?

Come applicare la #SCA “Strong Customer Authentication” e come difenderti dalle prenotazioni che non passano ancora tramite questa autenticazione

 

La normativa PSD2 è entrata in vigore dal 14/09 con proroga fino al 31/12/2019. Consiste nella possibilità, da parte del consumatore, di richiedere il rimborso su prenotazioni (sia sul sito ufficiale che sulle OTA) per le quali hanno dato a garanzia una carta di credito prepagata.

Questo perché le leggi dei circuiti interbancari Nexi (Visa e Mastercard – AMEX no) sovrascrivono la cancellation policy degli hotel e non riconoscono come valide le transazioni tramite PAN manuale se non validate dall’autenticazione a 2 fattori.


COME DIFENDERSI? Con la SCA (solo per prenotazioni con pagamento anticipato, parziale o totale)

  • SCA “manuale”
  • SCA integrata al Booking Engine del sito ufficiale
  • Servizio SCA delle OTA (al costo di un 2-3% aggiuntivo alle commissioni standard)


COS’È LA STRONG CUSTOMER AUTHENTICATION (SCA)

Autenticazione a due fattori che possono essere:

  • Info note solo all’utente (come un codice/pin)
  • Beni personali (carta di credito o numero di cellulare)
  • Info biometriche (volto, impronta)


SCA MANUALE 

Caso tipo: l’hotel riceve una prenotazione da OTA o dal sito ufficiale, nella quale il cliente ha lasciato i dati della sua carta di credito. L’hotel effettua la preautorizzazione: conserva 1 cedolino, mentre sull’altro scrive “advance deposit” e lo invia al cliente insieme alla conferma della prenotazione e alla cancellation policy. Tutto questo entro 3 giorni dalla prenotazione. Il cliente deve re-inoltrare il cedolino firmato all’hotel (non ha un termine limite). In questo modo l’hotel è tutelato e il cliente non può fare richieste di rimborso.

Se il cliente non invia il cedolino firmato, la prenotazione non è valida per i circuiti bancari e può essere richiesto il rimborso del soggiorno da parte del prenotante.


Cosa succede una volta che il cliente arriva in hotel?

L’hotel deve controllare che chi ha prenotato sia lo stesso che soggiorna in hotel (stesso nome e cognome: non vale, ad esempio, se il figlio prenota per i genitori) e paghi con la stessa carta di credito che ha usato per la prenotazione.

Nel caso in cui la carta di credito non sia la stessa, l’hotel deve chiudere la preautorizzazione fatta inizialmente e procedere ad incassare il totale della prenotazione con pagamento in contanti o attraverso il POS, con la carta di credito che ha il soggiornante.

La carta di credito deve, quindi, essere intestata a chi ha effettuato la prenotazione e soggiorna in struttura.


Cosa succede se il cliente non si presenta in hotel ?

Secondo Nexi, azienda che fornisce servizi per pagamenti digitali, l’hotel deve mantenere la camera fino alle ore 12:00 del giorno della partenza e se il cliente non si presenta, gli può essere addebitato solo il costo della prima notte, indipendentemente dal numero di notti della prenotazione e dal tipo di tariffa scelta (le non rimborsabili sono delle convenzioni commerciali, non riconosciute dai circuiti bancari).

 

CONCLUSIONI e IMPLICAZIONI della NORMATIVA 

Il problema maggiore è rappresentato dalle Standard Rate (cancellazione gratuita): per le quali non è più possibile effettuare la preautorizzazione e la SCA non può essere applicata.

  • Le transazioni da PAN manuale (addebito/preautorizzazione da parte dell’hotel sulla carta del cliente) non sono considerate valide se non convalidate con l’autenticazione a 2 fattori (SCA)
  • Vincoli maggiori che portano ad un abbassamento delle conversioni dell’hotel (soprattutto dal sito diretto), ma quelle le prenotazioni che arrivano sono rese più affidabili grazie alla SCA

Sono ovviamente esenti le transazioni che non passano da PAN manuale come i pagamenti in contanti o con bonifico bancario o gateway bancario (commercio elettronico).


COME ADEGUARSI ALLA NORMATIVA

  • Effettuare la SCA (nel caso del cedolino non firmato, valuta l’hotel se mantenere o meno la prenotazione)
  • Virtual card su tutte le OTA: il cliente paga direttamente e trasferisci i soldi su una carta virtuale che detiene Booking/Expedia. Sarà poi l’OTA a versare il totale della prenotazione al netto delle commissioni all’hotel.
  • Integrazione all’interno del Booking Engine e del CRM di un Gateway collegato ad un circuito bancario adeguato alla normativa. Quoto! (https://www.quoto.travel/), ad esempio, integra Paypal e gateway bancari come Virtual Pay e Payway, per avere la certezza di essere tutelati nelle transazioni: è il cliente ad inserire i dati della propria carta e a confermare la transazione a favore dell’hotel.

 

Se hai trovato l’articolo interessante, condividilo con i tuoi colleghi Albergatori.

A presto!

Commenti di Facebook

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*