Ricerca con dispositivi mobile

Search Revolution: ecco perchè scegliere il Responsive

Da sempre Google realizza ed aggiorna i propri algoritmi in base all’esperienza dell’utente, un utente sempre più aggiornato ed esigente, che oggi ha a disposizione potenti dispositivi per scandagliare il Web, con schermi sempre più grandi e componenti sempre più veloci.

Proprio per questo motivo non molto tempo fa (nel 2013 per la precisione) è stato rilasciato Hummingbird, un algoritmo potente e preciso per dare adeguate risposte soprattutto per le ricerche da mobile, e che oggi ha ampliato il campo d’azione all’intera realtà della ricerca sul motore.

Search Revolution, si parte!

Il 26 Febbraio 2015, sul Webmaster central Blog, Google ha ufficializzato ciò che aveva anticipato nel Novembre 2014: essere mobile-friendly sarà un fattore di posizionamento.

Si tratta di una conferma di quanto dicevamo, ossia che Google è attento all’esperienza d’uso degli utenti, imparando a rispondere sempre meglio in base alle nostre mosse, che mai come oggi effettuiamo con il nostro mobile device.

Il mobile ci permette nuovi tipi di ricerca: ricerca vocale, per immagini, per mappe.

La Search Revolution è iniziata, anche se non ce ne siamo accorti.

La SEO serve ancora?

Google si muove in base all’esperienza ed ai passi degli utenti cercando di facilitargli il compito, la SEO abitualmente segue le innovazioni di Google e cerca di capirne gli effetti.

E’ necessario adattarsi ai nuovi cambiamenti, quindi, visto che ci piace considerare la SEO come search experience optimization, la risposta non può che essere affermativa.

Il punto di partenza è l’idea che ognuno utilizza Google a modo suo, quindi quello che bisogna fare è sfruttare al meglio le risorse che abbiamo a disposizione: dai video alle immagini, dai contenuti ai blog, ai servizi legati a Google.

E voi siete pronti?

Mobile-friendly come fattore di posizionamento

Mobile-friendly searchRiprendiamo un attimo ciò che si legge sul Google Webmaster Central Blog:

“A partire dal 21 Aprile, espanderemo l’utilizzo dell’ottimizzazione per dispositivi mobili come segnale di posizionamento.”

“Questo cambiamento avrà effetti sulle ricerche mobile in tutto il mondo e in tutte le lingue e avrà un significativo impatto nei nostri risultati di ricerca.”

Se volessimo leggere più a fondo tra le righe, potremmo estrapolare 3 concetti principali:

  1. Intuiamo che ci sarà differenza tra risultati desktop e mobile su stesse query.
  2. Gli effetti di questo aggiornamento saranno visibili in tutte le versioni di Google (quindi anche in Italia).
  3. Sembra che ci sarà una bella rivoluzione nelle SERP di Google, e che (probabilmente) i siti mobile-friendly saranno avvantaggiati.

Per i più scettici sul fatto che Google si concentrerà molto su questo argomento, basti ricordare che già da tempo Google ha pubblicato una guida molto chiara su come ottimizzare i siti Web per i dispositivi mobili, dove ripone particolare attenzione all’esperienza dell’utente e sulla qualità della sua navigazione con smartphone o tablet.

Come dire: “Noi vi abbiamo avvertito!”

Responsive design, perché utilizzarlo?

A parte i consigli di Google, consideriamo che più del 70% di italiani che hanno uno smartphone o un tablet effettuano ricerche mobile sul proprio dispositivo, e la maggior parte di queste ricerche interessano connettersi ai social network, consultare prodotti o offerte on line, consultare le mappe, pubblicare recensioni, ricercare informazioni su viaggi o vacanze.

Consideriamo pure che, secondo fonti attendibili, molto meno del 10% dei siti italiani risulta essere mobile-friendly, e tra questi quelli virtuosi (ossia che rispondono alle linee guida di Google) sono ancora meno.

Visualizzare la versione desktop di un sito su un dispositivo mobile potrebbe rivelarsi un’esperienza infelice per l’utente, che sarebbe costretto ad aumentare lo zoom per poter leggere i contenuti. Ciò potrebbe portarlo ad abbandonare il sito.

Ecco, dunque, i principali motivi per cui scegliere il Responsive Design:

  • Semplifica per gli utenti la visualizzazione e la condivisione dei tuoi contenuti con un singolo URL.
  • Evita di segnalare l’esistenza di pagine corrispondenti per dispositivi mobili/desktop.
  • Ti fa risparmiare tempo per la manutenzione di più pagine per gli stessi contenuti.
  • Riduce il rischio di errori comuni dei siti per dispositivi mobili.
  • Evita la necessità di reindirizzamento per offrire agli utenti una visualizzazione ottimizzata in base al dispositivo in uso e quindi riduce il tempo di caricamento.
  • Permette di risparmiare risorse mentre Googlebot esegue la scansione del tuo sito.
  • Maggiore efficienza di scansione significa che Google è in grado di indicizzare un numero maggiore di contenuti del tuo sito e di mantenerli debitamente aggiornati.

Siti Web Responsive, un esempio di successo

Dati gli imminenti cambiamenti che sono stati annunciati in modo ufficiale, meglio non lasciarsi sfuggire una buona occasione offrire un’esperienza unica per l’utente (e perché no, per fare un passo in più davanti ai concorrenti).

Ecco di seguito riportato, uno screenshot sulle statistiche di uno dei nostri siti Web che mostrano un confronto tra il vecchio design e quello nuovo realizzato con metodologia Responsive, prendendo in considerazione periodi pertinenti.

Statistiche Sito Web Responsive

Come si può vedere chiaramente, il nuovo sito Web Responsive fa registrare un aumento di traffico organico di circa il 20%. Ovviamente non possiamo prenderlo come valore assoluto, ossia considerare il design responsive come unico motivo di miglioramento del traffico, ma sicuramente assieme alle attività di ottimizzazione dei contenuti, la maggiore usabilità contribuisce non solo a migliorare l’esperienza dell’utente, ma molto probabilmente (e di conseguenza) a ricevere maggiore considerazione da parte di Google nei risultati organici.

E voi? State a guardare o siete già pronti alla rivoluzione?

Commenti di Facebook

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*